Nello scorso decennio la ricerca di nuovi prodotti e nuovi sapori ha portato molti bartenders a cimentarsi nella preparazione distillati con aromatizzazioni differenti. 

Per essere chiari bisogna fare un paio di premesse: in ambito professionale è consigliabile fare solo ciò che è permesso dalla regolamentazione sanitaria e dalle autorizzazioni amministrative che si hanno. In modo evitare inadempienze sia per le accise (UTIF) e sanitario (Haccp e norme igenico-sanitarie).

È comunque interessante capire come poter si estraggono gli aromi da erbe, spezie, radici, frutti e foglie. Per Iniziare partiamo da un prodotto semplice e conosciuto: Il Limoncello.

Limoncello fato in casa, ingredienti:

40 gr    di scorze da limoni non trattati

125 ml alcol buongusto ad uso alimentare a 95°

125 ml Acqua 

100 gr  Zucchero   

Procedimento:

  • Immergere le bucce nell’alcool in un barattolo di vetro
  • Chiudere il barattolo con il tappo 
  • Lasciar macerare per 3-5 giorni in un luogo buio, fresco e asciutto (a temperatura ambiente)*
  • Agitare il barattolo almeno una volta al giorno la soluzione
  • Non aggiungere succo di limone, gli olii essenziali si deteriorano per effetto della luce e del ph acido
  • Separare con un filtro a trama sottile (o con una garza) 
  • il liquido è definito “alcolato”
  • Preparare uno sciroppo sciogliendo lo zucchero nell’acqua (se occorre scaldare leggermente per facilitare la dissoluzione dello zucchero)
  • Unire alcolato e sciroppo in una bottiglia di vetro
  • Se lasciate stabilizzare il liquore 10-15 giorni, il gusto risulterà più omogeneo e complesso
  • Etichettare con ingredienti e data di preparazione
  • Consumare entro massimo 1 anno

*  l’alcool penetra nel flavedo sciogliendo gli oli essenziali che lentamente entrano in soluzione.

SUGGERIMENTO: è possibile variare le quantità di zucchero e acqua per ottenere un prodotto con differenti alcolicità e dolcezza.

Ecco degli esempi per preparare dei distillati aromatizzati.

Vodka (o Rum) alla vaniglia, ingredienti:

10 gr    di baccelli di vaniglia

300 ml Vodka (o Rum chiaro) a 40° vol. 

Procedimento:

  • Ammorbidire i baccelli di vaniglia lasciandoli in un contenitore con acqua per almeno 2-3 ore (faciliterà l’estrazione delle sostanze aromatiche)
  • Asciugare i baccelli con carta da cucina (o un panno pulito)
  • Aprire in due perpendicolarmente i baccelli con e raschiare l’interno (i “semini” hanno la maggior parte dell’aromaticità)
  • Tagliate le bucce in pezzi di 2-3 cm 
  • Mettere i “semini” e le bucce in un contenitore di vetro (nuovo o perfettamente pulito) 
  • Coprire con la Vodka (o il Rum)
  • Chiudere il contenitore con il tappo
  • Riporre il barattolo in un luogo buio, fresco e asciutto
  • Lasciar riposare 10-15 giorni (20-30 nei mesi molti freddi)
  • Agitare almeno una volta al giorno il recipiente per omogeneizzare la soluzione
  • Testare la qualità dell’estratto e se risultasse troppo intenso diluire con una parte della stessa Vodka (o Rum) utilizzata in precedenza 
  • Separare con un filtro a trama sottile (o con una garza) il liquido ottenuto (alcolato)
  • Imbottigliare etichettandolo con ingredienti e data di preparazione
  • Consumare entro ! anno

Nota: la presenza di ossigeno può alterare l’estratto, ossidandolo. Il barattolo dovrebbe essere pieno sino all’orlo per minimizzare la quantità di ossigeno presente 

Vodka (o Rum) alla vaniglia #procedimento veloce, ingredienti:

10 gr    di baccelli di vaniglia

300 ml Vodka (o Rum chiaro) a 40° vol. 

Acqua (solo per il riscaldamento)

Procedimento:

  • Ammorbidire i baccelli di vaniglia lasciandoli in un contenitore con acqua per almeno 2-3 ore (faciliterà l’estrazione delle sostanze aromatiche)
  • Asciugare i baccelli con carta (o un panno pulito)
  • Aprire in due perpendicolarmente i baccelli con e raschiare l’interno (i “semini” hanno la maggior parte dell’aromaticità)
  • Tagliate le bucce in pezzi di 2-3 cm 
  • Mettere i “semini” e le bucce in un contenitore di vetro (nuovo o perfettamente pulito) 
  • Coprire con la Vodka (o il Rum)
  • Chiudere il contenitore con il tappo
  • Scaldare dell’acqua su un fornello una pentola fino al MASSIMO a 65 °C*
  • Spengere il fornello e immergere “a bagno Maria” il barattolo contente vaniglia e Vodka
  • Lasciar raffreddare fino a temperatura ambiente
  • Togliere il barattolo (senza MAI aprirlo)
  • Portare nuovamente l’acqua a 70° e ripetere l’operazione una seconda volta
  • Quando il barattolo sarà a temperatura ambiente riporlo in un luogo buio, fresco e asciutto
  • Lasciar riposare 2-3 giorni (4-8 nei mesi molti freddi)
  • Agitare almeno una volta al giorno il recipiente per omogeneizzare la soluzione
  • Testare la qualità dell’estratto e se risultasse troppo intenso diluire con una parte della stessa Vodka (o Rum) utilizzata in precedenza 
  • Separare con un filtro a trama sottile (o con una garza) il liquido ottenuto (alcolato)
  • Imbottigliare etichettandolo con ingredienti e data di preparazione
  • Consumare entro 1 anno

*    Il calore (inferiore alla temperatura in cui l’alcol inizia ad evaporare aumenterà la velocità di estrazione)

N.B.: Fare molta ATTENZIONE alla temperatura di riscaldamento, i vapori d’alcol dono facilmente infiammabili, indossare guanti e occhiali protettivi e preparare all’aperto o in un luogo ben arieggiato 

Gin alla curcuma, ingredienti:

50 gr    Curcuma fresca 

300 ml Gin a 40° vol. (potete scegliere il gin che preferite, purché sia di buona qualità) 

Procedimento:

  • Pulire la curcuma dalla buccia e tagliare a rondelle dello spessore di 2-3 mm *
  • Mettere le rondelle di curcuma in un contenitore di vetro (nuovo o perfettamente pulito) 
  • Coprire con il Gin
  • Chiudere il contenitore con il tappo 
  • Lasciar riposare 7-10 giorni (10- 15 nei mesi molti freddi)
  • Agitare almeno una volta al giorno il recipiente per omogeneizzare la soluzione
  • Testare la qualità dell’estratto e se risultasse troppo intenso diluire con una parte dello stesso Gin utilizzato  
  • Separare con un filtro a trama sottile (o con una garza) il liquido ottenuto (alcolato)
  • Imbottigliare etichettandolo con ingredienti e data di preparazione
  • Consumare entro 1 anno

Nota:la curcuma fresca macchia in modo quasi indelebile, utilizzare sempre dei quanti monouso per pulirla e tagliarla.

Infine un ultimo consiglio, provate a sperimentare a seconda del vostro gusto o della vostra fantasia.

Per imparare altre preparazioni home made e capire come utilizzarle nei cocktail contattaci all 06 89537573 per avere informazioni sull nostro corso barman professionale.

Avvertente e consigli:

Ma cercate di NON utilizzare spezie di cui non siate certi della mancanza di controindicazioni, alcune (ad esempio la fava Tonka o la radice di liquirizia) possono avere controindicazioni per salute molto importanti, o addirittura dannose. 

La sede di Accademia Barman si trova a Roma in Via Rocca Priora n. 47 (Fermata della Metro A Colli Albani). Tutti i Corsi si svolgono nella nostra Accademia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *